Contesto, gestione, obiettivi

La ricerca di un giusto equilibrio tra esigenze energetiche e salvaguardia dell’ambiente e del territorio corrisponde per Terna alla ricerca di soluzioni appropriate per assicurare al Paese l’energia elettrica di cui ha bisogno alle migliori condizioni di affidabilitàLa combinazione di due condizioni:• disponibilità: idoneità a far fronte staticamente e in ogni istante alle richieste globali di potenza ed energia elettrica dei clienti nei punti di connessione, tenendo in conto i fuori servizio programmati e forzati dei componenti del sistema elettrico; • sicurezza: idoneità ad affrontare i disturbi improvvisi come cortocircuiti o perdita forzata di componenti del sistema elettrico. Tale aspetto considera quindi proprio gli effetti delle transizioni non affrontate con il precedente criterio., costo e sostenibilità ambientale.

L’attività di Terna consiste nella fornitura del servizio di trasmissioneAttività di trasporto e di trasformazione dell’energia elettrica sulla Rete interconnessa ad alta e altissima tensione ai fini della consegna ai clienti, ai distributori e ai destinatari dell’energia autoprodotta. dell’energia elettrica, che viene svolto mediante la rete elettricaInsieme di impianti, linee e stazioni per la movimentazione di energia elettrica e la fornitura dei necessari servizi ausiliari. ad alta tensione. Sotto il profilo ambientale, quindi, l’impatto più evidente di questa attività non sta tanto nell’utilizzo di risorse naturali o nell’emissione di sostanze inquinanti, quanto nella presenza fisica delle linee e delle stazioni elettriche e nella loro interazione con l’ambiente circostante, naturale e antropizzato.

La crescente sensibilità ambientale e la diffusa opposizione locale alla realizzazione di nuove infrastrutture – un tratto caratteristico di molti Paesi industrializzati e sicuramente della realtà italiana – ha indotto negli ultimi anni Terna a sviluppare un approccio di grande attenzione alle esigenze del territorio, spesso coincidenti con richieste di protezione di ambienti naturali. La strada scelta è quella della concertazione con istituzioni del territorio (Regioni, Province, Comuni, Enti Parco ecc.) al fine di considerare le esigenze ambientali fin dalle prime fasi della pianificazione delle nuove linee e di tenerne poi conto in modo sempre più dettagliato fino alla fase di realizzazione.

Il rispetto dell’ambiente e del territorio costituisce la credenziale con la quale Terna vuole instaurare un rapporto di fiducia con le Autorità centrali (per es., Ministeri, Autorità di regolazione di settore) e con le istituzioni locali che sono anche depositarie del potere autorizzativo per le nuove infrastrutture. In questo modo, la considerazione delle problematiche ambientali converge con gli interessi di Terna a realizzare i propri investimenti di sviluppoGli interventi sulla Rete elettrica che comportano un adeguamento o un potenziamento della capacità di trasporto, trasformazione, connessione e interconnessione, ovvero un incremento della flessibilità operativa della Rete o una dismissione di elementi della Rete. della rete e con l’interesse più generale della collettività per la continuità, la sicurezza e l’efficienza del servizio elettrico. Questo approccio vale sia in Italia sia in Brasile, con implicazioni al momento più rilevanti in Italia, dove le attività di realizzazione di nuove linee fanno stabilmente parte del core business.

Un aspetto particolarmente rilevante in tal senso sono gli interventi di eliminazione di linee esistenti rese obsolete dal potenziamento di altri tratti di linea o dalla realizzazione di nuove linee e stazioni: in questi interventi – detti “razionalizzazioni” – il numero di km di linee eliminate è spesso superiore a quello delle linee realizzate, con un effetto netto di liberazione del territorio dalla presenza di infrastrutture elettriche.

Nel biennio 2006-2007, l’attenzione di Terna per l’impatto ambientale delle proprie attività si è focalizzato anche sulla gestione degli impianti – linee, stazioni e uffici – già esistenti. È stato portato a termine il processo di analisi ambientale e di identificazione degli aspetti significativi; successivamente, è stato predisposto un Sistema di gestione ambientale che ha ottenuto a dicembre 2007 la certificazione ISO 14001. La certificazione riguarda tutte le attività di Terna S.p.A. e copre tutta la rete di trasmissione (stazioni, linee) e tutte le sedi (uffici).

Tra gli aspetti ambientali signficativi si segnalano in particolare:

  • l’emissione di campi elettrici e magnetici;
  • l’impatto visivo di linee e stazioni;
  • l’impatto delle linee sulla biodiversità, con particolare riferimento all’avifauna;
  • i rifiuti speciali e il loro smaltimento.

Non fa parte degli aspetti significativi l’utilizzo di acqua, che non entra nel processo produttivo di Terna se non in modo marginale (usi civili).

Vengono invece incluse tra gli aspetti significativi le emissioni di gas serra. Terna non produce energia elettrica, quindi l’emissione di gas serra non è un correlato tipico delle sue attività, tanto che la Società non è soggetta a vincoli derivanti dal Protocollo di Kyoto né a schemi di emission trading. L’attenzione alle emissioni – che si traduce soprattutto nel controllo delle perdite di SF6, un gas presente in alcune apparecchiature di stazione, e nel controllo delle emissioni degli automezzi della flotta aziendale – è pertanto frutto di una sensibilità di ordine generale al problema del cambiamento climatico. Va peraltro segnalato che gli investimenti previsti dal Piano di sviluppo della rete elettrica possono esercitare effetti positivi indiretti sulla riduzione di emissioni da parte del sistema elettrico nazionaleIl sistema elettrico nazionaleè costituito dall’insieme degli impianti di produzione, dalle reti di trasmissione e distribuzione, dai servizi ausiliari e dai dispositivi di interconnessione e dispacciamento ubicati sul territorio italiano..

Su tutti questi aspetti Terna sta effettuando un monitoraggioInsieme di azioni per individuare l'attuale stato di funzionamento di un sistema elettrico.Numero medio di disalimentazioni per utente di rete (N)Il numero medio di disalimentazioni per utente della rete direttamente connesso alla RTNè definito dalla seguente formula: Numero medio di disalimentazioni per utente= Dove la sommatoria è estesa a tutte le disalimentazioni accadute nel periodo e/o nell’anno solare e nell’area, e dove: • Ui è il numero di utenti coinvolti nella i-esima disalimentazione considerata • Utot è il numero totale degli utenti direttamente connessi alla RTN durante l’anno solare. Ui Utot n i=1 accurato in base alle nuove procedure messe a punto nel Sistema di gestione, che permetterà anche la definizione di obiettivi di performance. I principali dati ambientali disponibili sono peraltro già esplicitati negli Indicatori di performance ambientale G3 riportati in questo capitolo e nelle “Tavole degli indicatori” addizionali; in alcuni casi la qualità di questi dati, specie quando frutto di stime, sarà migliorata dall’entrata a regime del nuovo Sistema di gestione ambientale.

Quanto ai programmi di miglioramento, prosegue l’attenzione alla riduzione delle emissioni attraverso studi di fattibilità e progetti relativi alle perdite di SF6 e ai consumi elettrici di stazione, mentre l’avvio di progetti di collaborazione con primarie associazioni ambientaliste sul tema della biodiversità è il principale obiettivo del 2008. Inoltre, verranno effettuate le prime valutazioni relative alla possibile estensione del sistema di gestione ambientale alle attività brasiliane.

La politica ambientale, parte integrante del Sistema di gestione, poggia su una premessa: la ricerca di soluzioni per controllare gli effetti sull’ambiente può anche implicare l’adozione di regole interne più restrittive delle disposizioni di legge, ove questo però non comprometta la tutela degli altri interessi generali che Terna è chiamata a garantire: sicurezza e continuità del servizio elettrico, mantenimento in efficienza del sistema elettrico, suo adeguamento alle necessità produttive e di consumo del Paese, parità di accesso alla rete per gli operatori del settore.

Con questa condizione, gli impegni di Terna prendono alcuni specifici orientament:

  • nella pianificazione degli investimenti di sviluppo della rete, ascolto delle esigenze espresse dalle istituzioni territoriali e ricerca di soluzioni condivise;
  • nella realizzazione, gestione e manutenzioneOperazioni e interventi finalizzati al mantenimento o al ripristino dell’efficienza e del buon funzionamento degli impianti elettrici, tenuto conto dell’eventuale decadimento delle prestazioni. della rete, adozione di procedure in linea con le norme di legge e, ove possibile, con obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale;
  • nel rapporto con i fornitori, richiesta di graduale adeguamento agli standard di rispetto dell’ambiente adottati da Terna;
  • in materia di campi elettromagnetici, rispetto rigoroso delle norme e attenzione agli sviluppi degli studi scientifici; contributo a una corretta rappresentazione e comprensione del fenomeno;
  • in tema di biodiversità, impegno a contenere l’impatto degli impianti, in particolare sull’avifauna, con interventi di mitigazione da mettere a punto anche con programmi concordati con associazioni ambientaliste;
  • in tema di cambiamento climatico, riconoscimento della rilevanza del problema e impegno ad azioni che favoriscano la riduzione delle emissioni di gas serra.

In termini organizzativi, la responsabilità ambientale risulta suddivisa in varie funzioni aziendali. Gli indirizzi sono adottati dal Vertice in base a indicazioni elaborate dalla Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione (funzione Responsabilità sociale) e dalla Direzione Sicurezza Aziendale che ha il presidio del sistema di gestione ambientale. La funzione Ambiente (Pianificazione e sviluppo rete) segue la considerazione delle variabili ambientali nella fase di concertazione con gli enti locali; la Direzione Ingegneria studia soluzioni tecnologiche innovative per la riduzione degli impatti ambientali.

Highlights: Smaltimento delle apparecchiature contenenti oli con pcb

tools invia un commento alla pagina aggiungi ai preferiti segnala ad un amico scarica il pdf vai al mio basket Aggiungi al mio basket stampa la pagina
Leggi la pagina