Il rapporto con i fornitori

In Terna gli appalti di lavoro, le forniture e i servizi sono affidati in base all’esito di procedure di gara che assicurano alle imprese partecipanti la massima trasparenza, l’obiettività e la parità di trattamento. Queste procedure rispettano la normativa vigente in materia, il Codice EticoÈ spesso definito “Carta istituzionale dell’impresa”, in quanto rappresenta il fondamento della sua cultura e rende esplicito l’insieme dei diritti e doveri e le aree di responsabilità che l’impresa si impegna a rispettare nei confronti dei suoi stakeholder; è un documento ufficiale, sottoscritto dal CdA, che richiede il rispetto di tutti i collaboratori. e il Modello 231Il Modello 231 prende il nome dal Decreto Legislativo 231 del 2001, che impone una responsabilità alle imprese per alcuni reati commessi da amministratori, dipendenti o collaboratori nell’interesse o a vantaggio delle imprese stesse. Il Modello è un insieme di linee guida, procedure, impegni formativi e meccanismi di controllo orientati alla prevenzione del rischio di commissione di particolari reati (per es., reati di corruzione di pubblici amministratori, reati societari, reati contro la personalità individuale, reati di market abuse). Di fatto, si configura come un sistema integrato di prevenzione di specifici rischi; se articolato secondo le indicazioni della legge, tale sistema (“Modello 231”) può anche evitare all’azienda sanzioni – o ridurne l’entità – nel caso in cui vengano comunque commessi i reati previsti. di Terna.

Obiettivo di Terna è quello di migliorare costantemente la propria politica degli acquisti con azioni di riduzione dei prezzi d’acquisto, garantendo comunque alti livelli qualitativi, attraverso la valutazione continua dei fornitori per mezzo di un sistema di vendor ratingSimbolo letterale che esprime il livello di rischio dei titoli che rappresentano un determinato debito; si tratta diuno degli strumenti di prevenzione e controllo del rischio di insolvenza più significativi dei mercati mobiliari maggiormente evoluti. Il rating è pubblicato da agenzie specializzate (rating agencies), le più note delle quali, a livello mondiale, sono la Moody’s e la StandardPoor's. Il rating è reso noto al momento della emissione del titolo, ma può subiresuccessive modifiche (uprating o downrating), che influenzano in senso positivo o negativo l'immagine dell'azienda e buona parte delle compravendite. Il giudizio migliore è espresso dal simbolo “AAA”, “AA+", fino ad arrivare al peggiore, espresso dalla lettera “D”. e con la ricerca di soluzioni tecniche e funzionali che permettano di mantenere le prestazioni raggiunte, a prezzi economici inferiori. Inoltre viene attuata una politica di approvvigionamento di tipo “just in time” al fine di ridurre il deposito di materiale alle sole scorte di sicurezza.

Il punto d’incontro tra Terna e i fornitori è rappresentato dal “Portale degli Acquisti”, specifica sezione del sito internet aziendale. Sul portale possono essere consultati i bandi di gara e i requisiti tecnico/economici dei gruppi merceologici soggetti a regime di qualificazione; si può inoltre partecipare alle gare on line, che sono strutturate e gestite con modalità controllate che assicurano trasparenza e al contempo la necessaria riservatezza, e si può inoltre condurre on line il procedimento di qualificazione delle imprese.

Terna è interessata, per il proprio core business, ad approvvigionare forniture, lavori e servizi nei settori della trasmissioneAttività di trasporto e di trasformazione dell’energia elettrica sulla Rete interconnessa ad alta e altissima tensione ai fini della consegna ai clienti, ai distributori e ai destinatari dell’energia autoprodotta. di energia elettrica, delle telecomunicazioni, dell’information technology. Per partecipare alle gare di appalto di Terna indette per tali tipologie merceologiche, i fornitori interessati devono candidarsi al sistema di qualificazione e ottenere, attraverso l’apposito procedimento guidato dal Portale degli Acquisti di Terna, l’idoneità al fine di accedere all’Albo delle Imprese Qualificate Terna.

Il procedimento di qualificazione dei fornitori permette a Terna di valutare che le imprese che parteciperanno alle proprie gare di appalto risultino idonee quanto a solidità economica e tecnico-organizzativa e che rispondano ai requisiti etico-ambientali propri della politica di Terna. Tra i requisiti è compresa, per esempio, l’applicazione di condizioni normative e retributive non inferiori a quelle previste dai contratti collettivi di lavoro applicabili per lo stesso tipo di attività. La qualificazione interessa soprattutto i fornitori dai quali Terna si approvvigiona di attrezzature essenziali per l’esercizio della trasmissione elettrica o ai quali appalta fasi rilevanti delle proprie attività specifiche, come per esempio per i cantieri di realizzazione di linee e stazioni. In tale contesto, tra i requisiti richiesti, è prevista l’esistenza e la relativa applicazione di procedure mirate al rispetto dell’ambiente secondo quanto previsto dallo standard di gestione ISO 14001.

Terna non individua la certificazione come requisito, ma orienta le imprese al raggiungimento della certificazione ISO 14001, accettando il graduale adeguamento dei loro standard procedurali. Inoltre, sempre nel medesimo contesto di attività svolte in cantieri per la realizzazione di linee elettriche, Terna richiede che le imprese posseggano personale qualificato a operare nel proprio rispettivo comparto, dotato di attestati di idoneità rilasciati da Istituti di Formazione certificati dal SINCERT secondo specifiche definite da Terna che contemplano, oltre a competenze relative all’operatività, anche conoscenza e sensibilizzazione in materia di sicurezza e safety. Oggi circa l'83% dell’impegnato economico Terna per appalti di lavori è assegnato a imprese qualificate secondo i Requisiti di qualificazione suddetti. Nell’ambito delle forniture, quelle che riguardano solo la consegna di materiali di primaria importanza relativi al core business di Terna, il 60% delle forniture proviene da dieci grandi imprese con stabilimenti in Italia ed Europa, tutte dotate di sistemi di gestione della qualità ISO 9001 e della certificazione ambientale ISO 14001 per il 38%. La volontà di rafforzare il presidio sul controllo della catena di fornitura ha portato alla costituzione di una nuova unità interamente dedicata alla qualificazione delle imprese, all’interno della funzione Processi e sistemi di acquisto che ha il compito di gestire i requisiti di qualificazione, condurre i procedimenti di qualificazione per l’eventuale attribuzione di idoneità alle imprese, effettuare l’analisi dei fornitori e il monitoraggioInsieme di azioni per individuare l'attuale stato di funzionamento di un sistema elettrico.Numero medio di disalimentazioni per utente di rete (N)Il numero medio di disalimentazioni per utente della rete direttamente connesso alla RTNè definito dalla seguente formula: Numero medio di disalimentazioni per utente= Dove la sommatoria è estesa a tutte le disalimentazioni accadute nel periodo e/o nell’anno solare e nell’area, e dove: • Ui è il numero di utenti coinvolti nella i-esima disalimentazione considerata • Utot è il numero totale degli utenti direttamente connessi alla RTN durante l’anno solare. Ui Utot n i=1 continuo delle imprese già qualificate come idonee a lavorare con Terna. Terna si avvale anche di una black list di partner commerciali che, avendo disatteso una o più clausole contrattuali con pratiche non consentite dalla legge e dai regolamenti, vengono revocati dall’albo delle imprese qualificate da Terna e segnalati all’Autorità ministeriale di vigilanza e controllo (ODV). Nel corso dell’esercizio 2007 sono 2 i casi di cancellazione dall’Albo Fornitori.

Sono infine sempre presenti, nell’ambito dei contratti, specifiche clausole mirate a evidenziare il rispetto dell’applicazione del Codice Etico di Terna e del Modello di organizzazione e gestione dalla stessa adottato ai sensi del D. Lgs. 231/2001, nonché della normativa vigente in tema di sicurezza, safety e ambiente, oltre che evidentemente a garantire l’assenza dell’utilizzo di lavoro minorile, manodopera in nero, sfruttamento del lavoro e comportamenti discriminatori nei confronti dei dipendenti. Inoltre dal 2008 è anche richiesta ai fornitori la firma di uno specifico “patto di integrità” che li impegna reciprocamente con Terna per evitare il verificarsi di conflitti di interesse e di limitazioni della concorrenza.

La Direzione Acquisti e Appalti elabora periodicamente un rapporto sul processo degli approvvigionamenti, in cui viene illustrato l’andamento degli acquisti, che permette di controllarne la conformità rispetto alla pianificazione iniziale. Inoltre viene indicato lo stato delle qualificazioni in corso di validità e quelle in corso di valutazione e vengono espressi i principali indicatori di performance del processo.

I NUMERI DEGLI ACQUISTI (ITALIA)


2007
20062005
Comparti qualificati (al 31.12)
353536
Imprese idonee in Albo Fornitori (al 31.12)
265238229
Imprese qualificate (nel corso dell'anno)
746560
Fornitori contrattualizzati (al 31.12)
1.8281.696

1.582

PROCEDURE DI AGGIUDICAZIONE ADOTTATE (% SUGLI IMPORTI AGGIUDICATI)

200720062005
Gare europee
65,0%85,70%63,6%
Gare non europee
18,6%8,60%26,8%
Prescritti
16,4%5,70%9,7%

Brasile

Di grande rilevanza durante il 2007 e ancora in corso d'opera il lavoro dei colleghi italiani per l'omogeneizzazione delle procedure di acquisto delle società estere controllate agli standard di qualità di Terna S.p.A.

Per tre mesi alcuni manager italiani delle funzioni Audit e Acquisti hanno condotto un'intensa attività di controllo e di verifica dei processi di acquisto e di vendor rating presso la controllata Terna Participações che ha segnato l'inizio dell'integrazione dei sistemi di acquisto avanzati della holding italiana anche in Brasile.

tools invia un commento alla pagina aggiungi ai preferiti segnala ad un amico scarica il pdf vai al mio basket Aggiungi al mio basket stampa la pagina
Leggi la pagina