EC2

Implicazioni finanziarie e altri rischi e opportunità per le attività dell’organizzazione dovuti ai cambiamenti climatici

Terna è un’utility la cui attività è la trasmissioneAttività di trasporto e di trasformazione dell’energia elettrica sulla Rete interconnessa ad alta e altissima tensione ai fini della consegna ai clienti, ai distributori e ai destinatari dell’energia autoprodotta. dell’energia elettrica, ovvero il servizio di trasporto dell’energia elettrica dai produttori ai distributori, alle cui reti sono connessi gli utenti finali. In nessun modo Terna è implicata nella generazione di energia elettrica; per questo motivo, la Società non è soggetta ad alcun obbligo di riduzione delle emissioni o a schemi di emission trading.

Non sono dunque ipotizzabili interventi di natura fiscale (per es., carbon tax) o regolatoria (target di riduzione delle emissioni, inclusione in schemi di emission trading) con conseguenze dirette sul business e sulla performance finanziaria di Terna. Il cambiamento climatico non costituisce per Terna una minaccia quanto a prospettive di business prevedibili.

Nondimeno, Terna riconosce la crescente rilevanza del cambiamento climatico e ha individuato potenziali, anche se remoti, rischi e opportunità collegati al riscaldamento della terra e alle reazioni che questo potrà indurre nei Governi e nelle attitudini dei consumatori. Le ripercussioni sulle attività di Terna sono di due tipi:

  • il compito di mantenere in equilibrio immissioni e prelievi di energia elettrica sulla rete di trasmissione, che Terna svolge in Italia in qualità di operatore del sistema di trasmissione, diviene più difficile quando le condizioni climatiche sono estreme, per esempio – come è successo negli ultimi anni – in condizioni di scarsità d’acqua o di punte di caldo. Aumenta la probabilità di situazioni critiche, che possono comportare il distacco temporaneo di utenti e che di conseguenza implicano per Terna una pressante attenzione delle Autorità pubbliche e dei mass-media. La criticità non minaccia i conti aziendali ma la reputazione di Terna; d’altra parte, una buona gestione delle situazioni critiche rappresenta per Terna un’opportunità di consolidamento dell’immagine di operatore affidabile;
  • la preoccupazione per il cambiamento climatico, o l’incremento dei prezzi delle materie prime energetiche potrebbero indurre una riduzione dell’elasticità della domanda di energia alla crescita del PIL. La tendenza al risparmio energetico e la ricerca di una maggiore efficienza energetica potrebbe ripercuotersi in una crescita della domanda di energia elettrica – quindi del servizio di trasmissione – inferiore a quella attuale, a parità di altre condizioni. Nell’attuale quadro regolatorio, le conseguenze sui ricavi, potenzialmente connesse con il rallentamento della crescita dei volumi, tendono a essere assorbite e neutralizzate dal meccanismo tariffario.
tools invia un commento alla pagina aggiungi ai preferiti segnala ad un amico scarica il pdf vai al mio basket Aggiungi al mio basket stampa la pagina
Leggi la pagina