Il rapporto con gli azionisti

L’andamento del titolo

Dalla quotazione in Borsa (giugno 2004) a fine dicembre 2007, Terna S.p.A. ha garantito ai propri azionisti un incremento del corso azionario del 62,2% – quasi due volte l’apprezzamento dell’Indice S&P Mib (+38,2%) – e una crescita della capitalizzazione di 2,1 miliardi di euro – dagli iniziali 3,4 miliardi a oltre 5,5 miliardi. Nel 2007, anno archiviato a quota 2,758 euro per azione, il titolo Terna segna un rialzo del 6,1%. La performance relativa rispetto alla media del mercato italiano sale, invece, a oltre 14 punti percentuali (S&PMib -8,2% e Mibtel -8,8%), consentendo a Terna di posizionarsi al sesto posto per apprezzamento del titolo tra le Blue Chips quotate a Piazza Affari e al secondo posto fra le Utilities italiane.

Image

Nel primo semestre dell’anno, in linea con l’andamento del settore, Terna ha registrato una performance positiva, toccando il massimo del 2007 a quota 2,85 euro per azione, il 1° giugno.
Già a partire dal mese di maggio, però, i timori legati alla crisi dei mutui subprime hanno determinato una crescente volatilità sui mercati azionari, innescando un trend ribassista sulle principali borse mondiali. All’interno di questo scenario macro-economico poco favorevole, anche Terna ha invertito la tendenza e ha toccato, il 16 agosto, il minimo dell’anno a 2,388 euro per azione, sempre registrando da inizio anno un vantaggio relativo rispetto alla performance complessiva del mercato.

Nonostante i ripetuti interventi delle Banche Centrali a sostegno della liquidità dei mercati e la riduzione dei tassi di interesse in USA, gli ultimi mesi del 2007 hanno continuato a essere caratterizzati da un clima di incertezza e di instabilità, aggravato dal rialzo del prezzo delle commodities. Tale contesto ha favorito il settore Utilities, tipicamente difensivo, e anche Terna.

Nel primo semestre del 2008 il peggioramento dello scenario macroeconomico mondiale ha trainato al ribasso i mercati azionari e Piazza Affari, che ha ceduto oltre 22 punti percentuali. Il titolo Terna ha registrato, il 22 maggio, il nuovo massimo storico a 2,945 euro per azione. Ha limitato, poi, le perdite cedendo solo il 2,5%, sostenuto, oltre che dalla sua natura difensiva, dal newsflow favorevole che ha caratterizzato la prima metà del semestre – nuova regolamentazione per l’attività di trasmissione, Piano Strategico 2008-2012 e dati relativi all’esercizio 2007 superiori alle attese del mercato. Si posiziona, così, al quarto posto dell’Indice S&P Mib, al secondo tra le Utilities italiane e all’ottavo tra le europee.

Il Total Shareholder Return

La misura più completa del valore creato da un’impresa per i propri azionisti è il ritorno totale, che viene calcolato sommando all’incremento del prezzo del titolo, in un determinato intervallo temporale, i dividendi per azione corrisposti nello stesso periodo.
Il calcolo del TSR (Total Shareholder Return, ritorno complessivo dell’investimento per l’azionista) mostra il tasso di rendimento annuo per un investitore che abbia acquistato il titolo Terna in data X e lo abbia venduto in data Y. Tale calcolo considera tutti i dividendi pagati dall’Azienda reinvestiti nel titolo Terna alla data di stacco della relativa cedola.

Il ritorno totale per un azionista, in possesso di azioni Terna al 28 dicembre 2007, ultimo giorno di mercato aperto dell’anno 2007, risente molto del momento di acquisto delle azioni:

  • dall’IPO: 97%;
  • dal 2 gennaio 2007: 12%.

Nel primo semestre 2008, specificamente tra il 28 dicembre e il 30 giugno, il TSR è stato pari a 0,83% (vs - 20,5% S&P Mib).

EVOLUZIONE DEI DIVIDENDI DISTRIBUITI DA TERNA S.P.A.1

                                     

Anno  

  Stacco Cedola      

               Pagamento 

   Dividendo

   (euro)

Anticipo dividendo 2004
200418-ott21-ott0,045
Saldo dividendo 2004
200523-mag26-mag0,07
Anticipo dividendo 2005
200521-nov24-nov0,05
Saldo dividendo 2005
200619-giu22-giu0,08
Anticipo dividendo 2006
200620-nov23-nov0,053
Saldo dividendo 2006
200718-giu21-giu0,087
Anticipo dividendo 2007
200719-nov22-nov0,056
Saldo dividendo 2007
200823-giu26-giu0,09
1 Terna ha adottato una politica che prevede il pagamento di dividendi due volte l’anno.

Comunicazione finanziaria

Il 31 gennaio 2008 ha avuto luogo a Milano il consueto appuntamento con la comunità finanziaria e i media per la presentazione delle strategie aziendali. Nel corso dell’incontro, il management di Terna illustra agli investitori i piani d’investimento futuri, i programmi di efficienza operativa, i target di qualità e sicurezza della rete così come la filosofia e i criteri che guidano la ricerca di opportunità di crescita, anche internazionali. Un’attenzione particolare è sempre riposta nel percorso di ottimizzazione della struttura del capitale e nella politica dei dividendi.

Grande importanza riveste il programma di roadshow che la Società organizza su scala mondiale. Nel 2007 e nei primi mesi del 2008, il top management ha incontrato direttamente “a casa loro” oltre 60 istituzioni finanziarie, azioniste o potenziali azioniste, in Paesi in cui hanno sede le maggiori piazze finanziarie mondiali (Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Scandinavia, Giappone e Medio Oriente). Nel corso dell’anno, non sono mancati anche incontri one to one o group meeting presso la sede di Roma e la partecipazione a conferenze di settore (Utilities Conference). In occasione della pubblicazione dei risultati aziendali (trimestrali, semestrali e annuali) e in caso di operazioni di M&A rilevanti, la Società organizza conference call con contestuale webstreaming sul sito internet. La partecipazione live agli eventi tramite i due canali supera mediamente le cinquanta persone, tra cui i circa venticinque analisti che seguono il titolo e pubblicano ricerche.

Per il 2008 sono in programma interventi dedicati in particolare agli investitori attenti alla performance etica delle società quotate. In primo luogo, verrà approfondita la ricostruzione dei Socially Responsible Investors (SRI) presenti e potenzialmente interessati a detenere quote del capitale di Terna. In seguito, verrà messo a punto uno specifico programma di comunicazione, a partire dalla disponibilità di un Rapporto di sostenibilità navigabile sul sito web di Terna. La partecipazione degli azionisti in assemblea continua a crescere, grazie alla sempre maggiore partecipazione di fondi, principalmente esteri.

28 aprile 2008

24 maggio 2007

27 aprile 2006

Rappresentanza del capitale sociale
50,20%49,70%43,30%
- CdP, Enel, Generali e Banca d’Italia
38,20%40,50%41,10%
- Altri Azionisti
11,90%9,2%22,20%
2 L’incremento è dovuto alla maggiore partecipazione dei fondi esteri (9,2%, di cui Pictet 5,1%). Oltre ad americani ed europei, hanno depositato azioni anche fondi australiani, canadesi, giapponesi, arabi, cinesi di Hong Kong.

Si rileva, inoltre, che l’assemblea del 28 aprile 2008 è stata anche chiamata a rinnovare gli organi societari (Consiglio d’Amministrazione e Collegio Sindacale).

tools invia un commento alla pagina aggiungi ai preferiti segnala ad un amico scarica il pdf vai al mio basket Aggiungi al mio basket stampa la pagina
Read aloud this page